Vedi quel che vedo io?

Ci sono questi piccoli momenti di dolore, di gocce troppo pesanti per rimanere al loro posto dentro di noi. Oggi piove. Piove dentro e quindi anche fuori. Il destino ha la sua puntualità ma noi puntualmente non vogliamo rendercene conto. Il rendersi conto di qualcosa è sempre un impegno e lo diventa sempre più con il tempo. Oggi il mio impegno è sapere che non ci sei più . Anche se tutto mi dice che sei ancora qui . Ma c’é una vocina dentro che è chiara come me , e dice tutto , quello che c’é da dire, quello che non mi hai dato tu. E allora a chi sto scrivendo? Questo tu è un altro; tu un altro, e questa che scrive é un’altra me. Perché siamo fluiditá ma non siamo più quello che eravamo, da quello che pensavo potessimo essere, insieme. Non ci sono colpe , non ci sono cose che rimpiango e spero neanche tu. Perché è stata un’emozione bellissima, tutto. E vorrei ti ricordassi di ciò che ho detto perché è vita , tutto , e la vita ti fa vivere. spero di averti trasmesso un po’ di vita, qualcuno mi dice che lo so fare benissimo ma come sai a me è sempre interessato quello che mi dicevi tu. E tu non parlavi. Avevi quel modo così insistente di astenerti che mi ha fatto forse innamorare di te. Le mie parole non servono più. E comunque le ho perse tutte quante. C’è chi mi ha detto che il cedere doveva essere l’ultima marginale opzione, e io non ho ceduto, fino ad ora. C’è poi chi pensa che siamo su due piani diversi e che forse era meglio così. C’è chi ancora non lo sa e chi non l’ha mai saputo. C’è chi non ci pensa a te, chi pensa unicamente a me e mi accarezza con tutto l’amore dell’amicizia. Ci sono io che sto scrivendo, implacabilmente, senza mai fermarmi, perchè io sono questa. Ci sei tu , che non ci sei più , che non dici niente. C’è chi inventando la lampadina disse che non aveva fallito 2000 volte nel fare una lampadina, semplicemente aveva trovato 1999 modi su come non andava fatta una lampadina. C’è chi prova a far capire con tutte le lampadine che si vuole che questa è la strada che vuole illuminata ma c’è chi è bendato e vede buio ovunque. Le luci non si spengono e le luci guidano ma forse la verità è che ci sono luci troppo forti per chi non ne è abituato. E la mia lampadina è guasta o forse funziona fin troppo bene, comunque sia non si può regolarne l’intensità.

Gli occhi fanno quel che possono niente meno niente più, tutto quello che non vedono è perché non vuoi vederlo tu.
Ma ora basta, é il momento di andare a dormire.

Domani sarà un giorno migliore.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...